I segreti della leadership? Più azioni, meno discussioni

viviana-rilla-conta-il-come[1]

Viviana Rilla

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

I leader sono persone capaci di esprimere se stesse completamente, conoscono cosa vogliono, perché lo vogliono, sanno come comunicare agli altri ciò che vogliono allo scopo di guadagnare collaborazione e supporto, infine essi sanno come raggiungere i loro obiettivi.

– Warren Bennis

Il Leader è da sempre visto come una sorta di figura mitologica, un supereroe dell’imprenditoria, capace di fare da guida, modello, esempio e soprattutto condurre la sua squadra verso gli obiettivi. Ogni giorno vedo una marea di articoli, video, corsi online che offrono la formula magica per acquisire questi “superpoteri”.

Tu penserai, “Beh, non è quello che stai facendo con questo articolo?” A dire la verità, uno dei fondamenti del mio lavoro è quello di non dare mai, mai la formula magica per trovare una soluzione precisa. Preferisco parlare delle mie esperienze, ascoltare e fare domande per aiutarti a capire qual è la strada giusta per te. Ognuno ha la sua. Non sono una che spiega, che fa lezione, preferisco invece fare. E allo stesso modo amo gli imprenditori che non perdono tempo a discutere, ma agiscono.

L’azione e non la discussione è il fulcro di quasi tutti i lavori, i successi e le soddisfazioni. E i leader lo sanno bene!

La leadership non si spiega, si fa

Durante la mia esperienza come consulenze e coach aziendale ho avuto a che fare con diversi imprenditori, solo alcuni di loro si sono dimostrati dei leader. Ma come faccio a riconoscerli? Devo dire che ormai sono diventata piuttosto abile. Loro non perdono tempo in spiegazioni, discussioni con i propri dipendenti, preferiscono darsi da fare, stare al fianco del team, loro AGISCONO.

L’azione è un elemento centrale e mai nessun imprenditore dovrebbe dimenticarlo: perchè da un’azione proviene l’esempio, dall’esempio nasce l’ammirazione, la fiducia dei dipendenti e soprattutto l’azione è un elemento fondamentale per costruire la propria credibilità.

Faccio un esempio. Mi è capitato di parlare con imprenditori che si lamentavano dei ritardi dei dipendenti, dello scarso coinvolgimento, delle scadenze non rispettate. Spesso, però scopro che questi imprenditori raramente si presentano in ufficio, indicono riunioni lampo rovinando le pianificazioni del personale e chiedono lavori “per ieri”. A te la parola: pensi che siano dei veri leader? Un leader non sale e scende dalla nave, ma vive tutta la traversata con il suo equipaggio, mettendosi sempre in prima linea, soprattutto quando ci sono particolari necessità e complicazioni.

Perciò per trasmettere il valore della puntualità non si dovrebbe riprendere più volte una risorsa, ma essere di esempio: presentarsi in ufficio puntuali, tutti i giorni (salvo impegni ed imprevisti). Inoltre, per pretendere la consegna puntuale dei lavori, ogni imprenditore dovrebbe costruire una accurata pianificazione delle attività tenendo conto dell’ammontare di lavoro di ciascun dipendenti. Questo contribuirebbe anche a creare un ambiente di lavoro piacevole e stimolante, dettagli da non sottovalutare!

Non discutere, dialoga

Per non parlare degli imprenditori che mi dicono “Io parlo molto con i miei dipendenti”. Ma spesso quelle chiacchierate si rivelano discussioni, lamentele, rimproveri. Ed ecco che il dipendente esce dall’ufficio frastornato, rancoroso e con tanta energia positiva in meno.

Dialogare è tutta un’altra cosa: significa conoscere i propri dipendenti e collaboratori, capire quali sono i loro talenti, le attitudini da sfruttare e valorizzare. Insomma, il dialogo e la cura delle persone sono sicuramente aspetti fondamentali che permettono di costruire una relazione positiva e duratura con il personale. Infatti, un leader orientato al mero compito può essere efficace per un breve periodo, alla lunga le persone necessitano di attenzione e ascolto: solo così si sentono coinvolte, comprese e si impegnano per dare il loro meglio.

Se anche tu dirigi un’azienda, chiediti quanto peso stai dando al “compito” e quanto alla “cura delle persone“. Cerca di trovare il tuo equilibrio, e soprattutto impegnati per fare, fare e fare. Vedrai che i risultati arriveranno!

Desideri parlare di crescita, leadership, cambiamento? Io non vedo l’ora di conoscerti. Incontriamoci.

 

Articoli simili

QUALE SENSO DEL DOVERE?

IO E IL MIO SENSO DEL DOVERE Come possiamo modificare le nostre abitudini mettendo in discussione il nostro senso del dovere. C’è

Mi manca la Bellezza

Mi manca la Bellezza. Ho sentito un vuoto pensando a quanto tempo è passato dall’ultima volta che l’ho incontrata al di fuori della

Sono qui per te

Se hai bisogno di aiuto non esitare a scrivermi un messaggio.

Puoi scrivermi anche su