Come Regalarsi una Mente Lucida

viviana-rilla-conta-il-come[1]

Viviana Rilla

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Regalarsi una Mente Lucida

Cosa possiamo fare per muoverci con leggerezza in questo momento di incertezza e confusione

Oggi voglio parlare di un tema che mi sta molto a cuore e risponde alla domanda che mi fanno in tanti: come faccio a trovare o ritrovare la mia centratura quando sono travolto da una difficoltà che all’improvviso mi porta fuori dalla mia zona di confort?

Stiamo stati tutti quanti catapultati in una realtà inimmaginabile fino ad un mese fa, che ci impone di intervenire per ritrovare la nostra focalizzazione e la nostra nuova routine.

Ci ritroviamo a vagare per le stanze della nostra casa trasportati da mille pensieri che agitano la nostra mente con il bisogno di rimanere connessi all’informazione che non fa altro che alimentare questo stato di confusione e di incertezza.

Anche per me i primi due giorni di isolamento sono stati attraversati da una tempesta di emozioni talmente forti e improvvise da farmi provare a fine giornata una pesantissima stanchezza fisica.

Il cervello assorbe circa il 20/25% della nostra energia ed in condizioni di stress particolare il consumo aumenta notevolmente.

Ma allora cosa possiamo fare per ritrovare la lucidità?

Quella che ci permette di affrontare questi giorni sfruttando l’opportunità straordinaria di dedicarci al lavoro, alla famiglia, alla casa e alle nostre passioni?

Abbiamo a disposizione tutto il tempo che vogliamo e finalmente ci possiamo organizzare la giornata come ci piace!

Possiamo fermarci per qualche tempo, bastano 15 minuti e praticare l’esperienza di vivere quello che c’è.

Per tanti anni ho praticato attività fisiche come lo yoga ed il pilates (sono diventata istruttrice) che mi hanno permesso di allenare, attraverso il movimento e la respirazione, l’ascolto del corpo.

Una forma di meditazione che mi ha permesso di superare momenti molto difficili della mia vita, momenti di grandi cambiamenti.

Da allora ho approfondito la conoscenza di tutte le pratiche meditative fino ad arrivare alla mindfulness.

Che cosa è la mindfulness?

La mindfulness è un modo di essere, piuttosto che una tecnica.

Non è un modo per rilassarsi, al contrario presuppone uno stato attivo e presente a quello che si sta facendo e a quello che che c’è qui e ora.

Praticare la consapevolezza ci mette nelle condizioni di vivere l’esperienza del momento e sperimentare, attraverso l’osservazione curiosa e con la mente aperta, la conoscenza di noi.

E’ un modo per fare amicizia con noi stessi, con gentilezza e senza sforzo senza aspettare che accada qualcosa nell’immediato; prenderci cura del nostro corpo, entrare in contatto con le nostre emozioni e osservare il funzionamento della nostra mente.

Ma non voglio dilungarmi su questo argomento; quello che in questo caso mi preme comunicare, è l’efficacia della meditazione nella nostra vita.

Per quanto riguarda gli aspetti scientifici e della comprovata efficacia dimostrata sulla riduzione dello stress e della reattività a questo, sulla riduzione del dolore (quello cronico) sul miglioramento della memoria e diversi benefici potete trovare sulle pubblicazioni relative a studi scientifici presenti anche su internet.

Attraverso la pratica di consapevolezza ci alleniamo a dirigere con intenzione l’attenzione sul momento, sul presente, su quello che sta avvenendo.

Essere consapevoli di quello che ci succede è il modo migliore per assaporare con pienezza la vita, imparando ad accettare tutto quello che emerge, accogliendolo senza opporci a nulla.

Nulla di esoterico!

Pensate a quando siamo totalmente immersi in quello che stiamo facendo, concentrati e focalizzati e descrivete quella esperienza.

Mentre preparate una torta, mentre state lavorando ad un progetto che vi entusiasma, mentre state con vostro figlio, con il vostro compagno/a, mentre praticate uno sport, dipingete, suonate, etc…

Sono quei momenti in cui siamo totalmente dentro l’esperienza, in una sorta di bolla, al cui interno siamo isolati da tutto quello che non serve, dai rumori e ruminii della mente che abitualmente ci trasportano altrove.

La meditazione è per tutti

non ci sono persone che non possono praticarla e bastano pochi minuti al giorno (se vuoi iniziare) e tanta disciplina nel mantenere la costanza della pratica.

Io posso consigliarti di iniziare, iniziare con pratiche semplici, come quella del respiro e proseguire leggendo e approfondendo la conoscenza. Una prima lettura che ti suggerisco è il libro di Jon Kabat-Zinn “Dovunque tu vada ci sei già” , che trovi su questo link dihttps://it.wikipedia.org/wiki/Dovunque_tu_vada,_ci_sei_gi%C3%A0

Sappi che non ti basterà solo leggere o raccogliere informazioni, ma sarà necessario e fondamentale fare esperienza per assaporare i frutti del tuo cambiamento.

Solo così avrai chiaro cosa è per te questo “strumento” meraviglioso che arriva da tradizioni millenarie di saggezza.

Hai già provato a farlo? Mi piacerebbe sapere se hai incontrato difficoltà o hai bisogno di un consiglio per proseguire.

Articoli simili

QUALE SENSO DEL DOVERE?

IO E IL MIO SENSO DEL DOVERE Come possiamo modificare le nostre abitudini mettendo in discussione il nostro senso del dovere. C’è

Mi manca la Bellezza

Mi manca la Bellezza. Ho sentito un vuoto pensando a quanto tempo è passato dall’ultima volta che l’ho incontrata al di fuori della

Sono qui per te

Se hai bisogno di aiuto non esitare a scrivermi un messaggio.

Puoi scrivermi anche su